NUE interforze

Svezia - Si è conclusa l'indagine su un uomo di 23 anni deceduto lo scorso 30 gennaio.

L'uomo chiamò il 112 due volte in 13 minuti ma l'infermiere considerò i sintomi lievi e rifiutò l'invio di un'ambulanza malgrado ve ne fossero disponibili. Più tardi l'uomo venne trovato morto per una rottura di milza.

L'infermiere che gestì le chiamate è accusato di omicidio colposo aggravato.

http://www.stockholmnews.com/more.aspx?NID=7565

Questo sito utilizza cookies tecnici e di terze parti. Proseguendo la navigazione l'utente ne accetta l'utilizzo. Note legali